.
Annunci online

gentecattiva
Voglia di Luce...


Diario


24 dicembre 2007

Buon Natale

Qualcosa di intelligente da dire, Qualcosa di intelligente da dire...... QUALCOSA DI INTELLIGENTE DA DIREEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Cazzo non mi viene.
Però posso dirvi che sto già a quota 3 regali completamente INUTILI e che in questo momento casa mia è infestata da un'orda di inglesi sciroccati e psicotici e anche alcolisti che si diverte a cantare i xmas carols. MI invidiate da morire, vero? Io sono la prima cantante, che dire... un lieto natale in piena armonia perfettamente in linea col nostro stile. Il tacchino è già da ieri sera che cuoce e il vino cade a fiumi. Sono stati pefino spolverati i vinili di natale di quando avevo 3 anni e gli stockings sono lì appesi che aspettano babbo natale. Manca solo il camino... ma mica si può avere tutto dalla vita.
Un bacio a tutti e un abbraccio forte
BUON NATALE!!!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. natale

permalink | inviato da gentecattiva il 24/12/2007 alle 18:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


20 dicembre 2007

Prima di dormire...

Vedo un comprare frenetico e totalmente controvoglia. Non sento il clima natalizio.
Vedo che tutte le volte che smetto di credere smetto di esistere.
Vedo che nessuno sorride per strada.
Vedo che siamo chiusi nei nostri piccoli mondi illudendoci di non dipendere dalla società in cui viviamo.
Vedo che quando hanno scioperato la gente è impazzita perché si è resa conto che senza benzina, le macchine non sono che rottami inutili, da 5, 10, 0 anche 100 mila euro che siano. Dalla cinquecento alla Ferrari. Rottami inutili. E ho pensato che la tecnologia ci regala un illusione. Ma basta poco per spezzare questo primato.
Senza tom tom sarai costretto a parlare con un estraneo per chiedergli informazioni.
Senza macchina dovrai mischiarti con la gentaglia sui mezzi pubblici. E guarda un po’… magari ti multano anche perché non hai l’abbonamento. A te che porti la cravatta e fumi il sigaro con la fede al dito.
Che mondo folle.
Vedo mille blog in rete, perché le persone pensano ancora, ma non hanno nessuno a cui raccontare.
Vedo anche che nessuno ti ascolta.
E se non mi sbrigo a visitare qualche blog questo post rimarrà senza commenti. Cazzo. No.
E se devo proprio essere sincera, diciamo sempre le stesse cose.
Vedo che la gente ha energia da vendere, ma non sa dove impiegarla.
Vedo i turisti meravigliarsi della bellezza della mia città, nonostante il traffico, nonostante gli angeli di Castel sant’angelo, fieri e altezzosi, ogni mattina, debbano annegare tra le macchine.
Li ho visti rantolare nel grigio.
Ed io ho bisogno di qualcuno che mi ricordi perché la mia città sia una delle più belle del mondo.
Ho visto un signore al cellulare inciampare sulla ciotola di un mendicante, sparpagliando il gruzzolo sbrillucicante lungo tutto il marciapiede.
Non l’ho visto voltarsi.
Si volterà quando sarà il figlio a cadere?
Esistono veramente persone che non hanno memoria fotografica o il problema è che non ci si guarda in faccia?
Sappiamo chi è la persona con cui ogni notte facciamo l’amore?
Un poliziotto col guanto di pelle nero, bussa sulla spalla di un barbone che dorme sotto un portico intimandogli di andarsene. Sapendo perfettamente che non ha fatto altro che spostarlo. Come la polvere quando la si nasconde sotto i tappeti.
Se nè vanno in giro come i giustizieri senza macchia e senza nome a portare ordine nelle città. Al loro passaggio tutti i venditori ambulanti (e abusivi) scappano come mosche, aspettando che la parata trionfale li superi per poi tornare alla loro postazione. Estremamente utile.
Da quando la sera mi faccio una canna, ho smesso di soffrire d’insonnia e di pensare alla morte prima di dormire.
Poi dicono che non è terapeutico.
Ho la sensazione che l’uomo provenga dalle scimmie, ma che stia inesorabilmente facendo la fine dei criceti.
Corri corri sul tapirulan. Come si scrive? Tapirulan… ? corri che ti va via la cellulite.
Magari ti si scechera anche il cervello, così domani dirai qualcosa di intelligente.
Vedo che tutti dicono di volersi costruire un futuro, ma che alla fine finiscono per costruirsi una casa.
Col mutuo.
Vedo che ho bisogno di andare via per un po’ per realizzare i miei sogni.
Vedo che questa sensazione di staticità mi impregna le ossa. Vedo che ogni tanto mi perdo. E perdo il senso delle cose. Vedo che tutti hanno bisogno di respirare.
Vedo che viviamo nei luoghi comuni e tutti sanno tutto. Ma pochi conoscono quello di cui parlano.
Manca l’empatia tra le persone, il rispetto nei confronti di ciò che non conosciamo.
Sento troppi muri intorno a me, che si alzano e bloccano la luce.
E mi sono rotta il cazzo di criticare tutto e tutti, scrivere parole al vento e parlare con chi non ha la capacità di ascoltare. Magari lascerò che qualcuno malignamente sorrida nel vedermi sparire nel vento.

Alla prossima.





permalink | inviato da gentecattiva il 20/12/2007 alle 1:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa


13 dicembre 2007

Una risposta.

 

Esistono dei cieli, dopo la pioggia, che illuminano ogni superficie fino a farla luccicare di sole.  Di luce languida, appiccicosa ed umida.

Il sole spacca le nuvole schiantandosi sui palazzi, sfaccettando a pezzi ogni contorno come se gli oggetti dovessero schizzare fuori da un acquarello.

Le nuvole grandi, la cosa più grande tu possa mai aver visto, sfrecciano nel cielo, trainate dal vento fresco che mi sveglia dal torpore mattutino. Un fresco gentile non violento, che mi fa bene e forse parla anche.

Il tempo lo faccio mio, anzi… io vado a tempo. Per una volta sono in tempo ed il tempo stesso. Riesco perfino a srotolarlo e sdraiarmici sopra... Per tutto il tempo che voglio. È quando sono sola e l’aria entra ed esce dal mio corpo, che io mi sento piena. Ed avverto l’intera straordinarietà della mia vita. Ascoltare e condividere il tempo con la città. Ed è forse l’unico modo che ho per riconoscere e sapere con certezza che tutto questo né vale la pena. Vivere. E non so se esiste forma d’arte abbastanza adatta per spiegare l’universo che si sgomitola quando riesco a tagliare un varco fra le linee dello spazio che mi circonda. Lascio andare le cose pesanti e trattengo solo quelle leggere e rarefatte...
E potrei quasi spiccare il volo. l’eterno è infinitamente morbido.

Perché moriresti?

Semplicemente di bellezza.




permalink | inviato da gentecattiva il 13/12/2007 alle 19:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa


9 dicembre 2007

ritorno...

Cammino tra i pezzi di carta, frammenti raccolti in questa settimana, sono un pò spaesata e non so esattamente dove io stia in questo momento.
Pezzi di carta, cartoline, accendini, fiammiferi, frasi appuntate negli angoli delle cartine, nell'illusione di aver riportato un pezzo di Berlino qui a casa.
Metto tutto nel mio magic box... echi di scoppi di risa, musiche in lontananza, facce sbiadite, piccole luci e strette di mano.
E si dice che partire è un pò morire... non so se sia vero, ma un pò di malinconia c'è. E magari nel ritorno ci si accorge delle piccole cose da sistemare nella propria vita. E non so se sia un caso ma oggi diluvia senza pietà.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ricordi viaggio berlino germania

permalink | inviato da gentecattiva il 9/12/2007 alle 13:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre        gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Donne
Video
Politica

VAI A VEDERE






Per tutti i Rahmatullah e gli
Adjmal del mondo.




FEDERICO ALDOVRANDI



Qualunque cosa tu
possa fare, qualunque
sogno tu possa
sognare, Comincia.
L'audacia reca in sè
genialità,magia e
forza.
Comincia ora.
(J.W. Goethe)




Rispetta ciò che
vedono
e toccano gli
altri,
anche se è il
contrario
di ciò che
vedi e
tocchi tu.
(Pirandello)



Abbiamo imparato
con
la rivoluzione,se
in
qualsiasi Paese
del Mondo,
vi è un
uomo oppresso
o
ferito,in quel
momento
è intaccata
la nostra dignità.

 


Nessuna persona
nell'intero
mondo
può sentirsi libera

se c'è una sola
persona in catene.




Mi sembra che le cose stiano così.
Non è terribile…
voglio dire, può

essere
terribile ma non ti
danneggia,
non ti avvelena,
fare a meno di qualcosa
che si desiderava veramente...
Quello che è terribile è
fingere
che le cose di
importanza secondaria
siano
invece di importanza primaria.
Fingere che non si ha bisogno
dell’amore
quando invece questo
bisogno si sente;
o fingere di
apprezzare il proprio lavoro
quando invece si sa benissimo
di saper fare meglio.

 

(Doris Lessing)



Joni Mitchell



Chi un esercito di cavalieri,
chi una schiera di fanti,

chi una flotta di navi dirà
che sia sopra la terra nera
la cosa più bella.

Io dico, ciò che si ama...

(Saffo)



"The Notorius Betty Page"
Davvero un bel film!

 


Circondiamoci di fiori e splendore
per ricordarci, di tanto in tanto,
quant'è bello il mondo



Erika Jong


Una voce che mi ha appassionata

 

 

CERCA